News

No Limits Special Team Ducati

By 9 agosto 2017 No Comments

Questa 40° edizione delle 24 Ore Moto ha reso questa gara un momento storico sia per il doppio vincitore che ha vinto la gara della Sarthe per l’autenticità delle persone che hanno segnato questa gara.
Vincitore della categoria SuperTwin nel corso di questi 24h moto, la Special Team Ducati è una team italiana, che ha scelto la Ducati 1299 Panigale.
Lo speciale team Ducati ha vinto non solo la vittoria nella sua classe, ma il suo segno nella storia del motociclismo e la resistenza. La team è stata fondata da Jacopo Zizza, per trasmettere un messaggio particolarmente forte: non importa il nostro corso della vita, tutti noi abbiamo qualcosa di « speciale » in noi.

Per la sua prima partecipazione alle 24h Motos, la Ducati special spruzzo scegliendo di reclutare Daniele Barbero, un pilota amputata della la gamba destra di collaborare con Roberto Gelosa e Marco Passarelli. L’equipaggio sarà affiancato da Margaux Wanham, una donna piuttosto discreto, ma il cui controllo continua ad affermare attraverso la sua esperienza di pilota.

Questa squadra è speciale in quanto vuole dimostrare che tutto è possibile, non ci sono limiti, qualunque sia la nostra condizione … scommessa di successo.

Ride-R media ti porta a incontrare Daniele BARBERO, rider « speciale ».

Daniele, abbiamo seguito la vostra avventura per tutta la gara 24 ore di Le Mans, puoi dirci la tua esperienza?

Daniele: « E ‘stata una gara fantastica, sono deluso di aver avuto un problema meccanico in qualifica, ma sono molto felice, perché è la gara di durata più prestigiosa del mondo e io sono il primo pilota portatori di handicap nel mondo che ha avuto l’audacia di fare questa gara. La Special Team mi ha invitato, ho accettato con piacere, perché mi piacciono le grandi sfide. Ho lo stesso livello di pilotagio come un altro pilota, con nessuna differenza, l’obiettivo era lo stesso che per le altre teams: finire la gara, quello che abbiamo fatto in 37° posizione con l’assistenza di un pilota francese, Margaux Wanham. La Ducati #81 fu in grado di raggiungere il traguardo nonostante la difficoltà incrinato collettori, è stato raggiunto il nostro obiettivo. »

Quale messaggio hai voluto trasmettere attraverso questo risultato sportivo?

Daniele: « Il mio messaggio è che l’associazione cui appartengo Di.Di. Diversamente veicolo Disabili: NEVER GIVE UP! Non mollare mai, tutto è possibile, ogni ostacolo nella vita è insormontabile. Con la squadra speciale abbiamo dimostrato che non importa se uno è un driver valido o disabilitato, la passione rimane la stessa. «

Daniele, tu sei il cuore di una prima mondiale, si può spiegare il motivo per cui si sarà in pre-griglia sulla HJC HELMET GRAND PRIX MotoGP in Francia?

» Diversamente Disabili Associazione sta cercando di organizzare un Campionato del Mondo per i disabili.

Grazie alla tenacia di Emiliano Malagoli, Fondatore e Presidente di Di. Di. Diversamente disabili, che organizza gare motociclistiche internazionali via World Bridgestone Cup conducenti disabili. Saremo 30 piloti provenienti da nove nazionalità su il MotoGP Gran Premio di Francia per la partenza della gara internazionale Bridgestone Handy.

Vogliamo dimostrare che la disabilità non preclude le prestazioni o passione sportiva! Siamo sempre guidati dalla stessa voglia di battere l’orologio, o di confrontarsi con altri piloti, spingendo i nostri limiti.

Voglio ringraziare tutto il team di SPECIAL TEAM DUCATI, che mi ha permesso di iniziare questa favolosa gara sono le 24 moto. Ringrazio il mio tecnico, il mio medico, il mio preparatore atletico, il manager della società in cui lavoro, tutta la mia famiglia. Vi prometto che il prossimo anno se avrò la possibilità, sarò di nuovo nella lista delle moto immatricolate per 24 ore! Grazie a tutti! NEVER GIVE UP «

La storia di 40 anni 24 ore Moto è scritto in ogni edizione attraverso incontri e corsi di vita, Daniele ci dà una grande lezione di vita per noi di dimostrare che i test sono solo un motivo per scegliere noi …

Sur information de Ride R Media pour Daniele Barbero